Tag

,

non sapevo, nemmeno che fine avrei fatto.

ho iniziato a vomitare, pensieri paure e tutto ciò che avevo dentro, come mi consigliò la psichiatra. poi.

poi accade che si rubano, anche gli anni e i tempi cambiano.

non mi sono mai piaciuti i cambiamenti.

come non mi piace che splinder chiude, ché per me è come perdere un’altra casa.

e così porto un altro lutto.

metabolizzerò anche questo, anche se mi sono rotta i coglioni, di metabolizzare.

nel frattempo, da sola e di notte, come sempre, sono riuscita a trasferire tutta la casa splinderiana qui: http://iostoconletartarughesplinder.wordpress.com/

sono anni, di parole. parole scritte, ed è tutto ciò che mi resta, per rimanermi nel ricordo.

 

Annunci