Tag

, ,

casa è bella e pronta. ho già pulito tutto e tutto è quasi pronto.

non lo sono mai, pronta. e quando le dico di’ “pronto” lei prende il telefono come se in mano avesse una bomba.

mamma è così.

è sempre stata un cane, e mi sono resa conto fosse randagio solo quando sono invecchiata. e sta invecchiando oltre quell’oltre dal quale non c’è ritorno.

e ritorno a prendermi ciò che m’appartiene. i ricordi.

non sta bene piangere, forse no, durante le feste no, ché si rendono gli altri tristi.

e mentre c’è che piange perché dice che è giovane e vuole divertirsi, mi viene in mente chi già me lo disse, mille anni fa, mentre mio padre se ne andava. ed ero triste.

ma ora non voglio esserlo, è natale, e voglio solo stare con mia madre, per quel che le rimane. e magari ridere con lei, mentre piange il cuore e le dico che russa come un ghiro, per farla ridere e lei, con quel suo “perché non ti sei sentita tu!”, diviene ancora più randagia, e bisognosa.

ho bisogno di lei, ma so che il tempo si sta facendo breve, e.

e ho paura.

ecco fatto, l’ho detto.

e non sono pronta.

Annunci